Arrivederci Napoli !

“Quann’ nu furastier’ ven’ a Napul’ chiagn ddoj vot’: na vot’ quann’ arriv’ e na vot’ quann’ part'”

But Neapolitans always over-do everything. So if it’s good, in Naples it is the best. If it is bad, in Naples it would scare the Devil. I never did hallucinatory drugs, but if I did, I bet the experiences would resemble a day in Naples. The food is amazing, the weather is hot, the women are even hotter, the clothes are the best, the city is on the water, Art is in the air Neapolitans breathe and in the blood that pumps through their veins, and the people will befriend you instantly.” (Piazza Life)World___Italy_A_walk_through_the_ancient_streets_in_Naples__Italy_062560_

Quas’ ogn’ juorn’ ri ll’urdm’ tre ann’ quann’ ij camminav’ pe’vvij’ pe’ gghì all’università, nu viecchj assettat’ ind’ a n’angul’ i nu vicariell’ me salutav’ ricennem’ “bongiorn'”. Nuj nce canusceven’ ma fovem’ comm’ duj cumpagn’. Purtropp’, ropp’ quacc’ semman’, ij stu viecchj’ nun l’aggj’ vist’ cchiù, ma crer’ ca pur’ iss’ sent’ a mancanza mij’. Ij sto lassann’ Napul’. A signor’ ri scal’ ca parlav spiss cu mmic ce mancarrà u uaglion ingles suj. Ess’ sapev’ ca ij nu capev tutt’ cos’, ma inda nu mod’ o n’at’ Ij riuscev’ a parlà cu ess’. Ce crir’ ca ij saccj nu sacc’ i cos’ ra famiglia soj? M’ mancarrann’ i’ criatur’ ca s’appiccican’ alluccann’ annanz’ a casa mij’ – comm’ er’ cattiv’ un’ i llor, Antonij! U verdummar’ chiatt’, ca me vulev tant’ bben’, mo’ nun me ver’ cchiù; ij jev’ dda’ iss’ a ‘ccattà a frutt’ e a verdur’, po’ m’aggj addunat’ ca me mbrugliav! Me mancarann’ a zengar’ cu criatur’ ca cantaven’ comm’ dduj’ angel’ cercann’ a carità. Me mancarrann’ i cumpagn’ ru bar ca m’hann’ ‘mbarat’ u napulitan’ e spiss’ m’hann’ offert’ u cafè. Fors’ nun me mancarrann Salvatore Esposito e signora ca facevn’ i tutt pe me scassà a uallera.

Napul’ è nu paravis’ senza penzier’ e a vit’ a Napul’ te pò mbrssiunà: quas’ a stessa cos’ m’è capitat’ in India, a Benaras. Ra Delhi a Benaras è comm’ ra Montreal a Napule. L’antichità i’ Napule a rutt’ tutt’ i suonn’ mij de l’Occidente moderno e brillante. A vit’ a Napul’ è comm’ a vij i’ miez’ ri’ buddhist’, viecchij e nnuov’ ‘nziem. Avit’ mai vist’ nu criatur’ appen nat’ ca tocc’ cu i manell’ soj i man’ arrappat’ ra’ nonn’? Proprj chest’ aggj vist’ ij camminann’ pe vvij re’ sta antica città greca. Ind’a sti vicariell’ a vit’ addvent’ viv’. Addvent’ viv’ cu addor’ ro’ cafè, ri’ crocchè, arancin’ a vij ri’ tribunal’. L’aria di Napoli ti inebria con una sensualità senza pari che si può sentire anche nella sua antichità. naples-street-770

Ogn’ ppart’ ‘ddo so’ stat’ fin’ a mo’ maj aggj sentut’ a vit’ comm’ l’aggj sentut’ a Napul’. Delhi, Pune, Oxford, Montreal nun t’zegnen’ nient ra’ vit’ comm’ fa Napul’. Ij me sent’ comm’ na bambul’ i’ sal’ ca ‘nfunn u mar’ nun è capac’ cchiù r’ ricer’ chell ca sent’. Pur’ si chell ca sent’ nun o saccj ricer’, i sicur’ è cchiù ddoc’ r’ na sfugliatell e r’ nu babbà. Comm’ a ritt’ nu poet’ ingles’, John Keats, “Heard melodies are sweet, but those unheard. Are sweeter”. Ma qual’ song sti mutiv’ mai sentut’?

Spiss’ m’aggj maravigliat’, pecché Nietzsche cagnaj accussì tant’ ropp’ vist’ Napul’ e Surrient’. Tant’ ca cagnaj totalment’ ra tann’. Comm’ ricett’ iss’: “A Surrient’ m’aggj luat’ a cuoll’ nov’ ann’ r’ scuorz’ [In Sorrento, I shook off nine years of moss]. Ij me sent’ nu poc’ comm’ iss’, ma i scuorz’ mij nun song viecchj comm’ i suoj e ij nun song cert’ u livell’ suoj, però tutti dduj simm’ stat’ a Napule (e tutti dduj’ vulimm’ pruvà ca Ddij è muort’ – speriamm’ cu Pap’ nun ce sent’). A trentaruj ann’, quann’ Nietzsche abbandunaj a carrier’ i filologo latino, pe ffa sul’ u filosf’, ij sto accumminciann’ a carriera mij e nun saccj si song filologo o filosofo, o forz’ tutti dduj oppur’ nisciun’. E Napul’ me rà nu barzam’ p’adducì sta lott’ rint’ u cor’ mij. A maraviglj ru sudd nun se pò ddicer’.

E maj vist’ i culur’ ca cagnen’ ru Vesuvj’ ra fenest’ ra casa toj? Pur’ si mo’ sta rummenn’, ten a t’ ricer’ centinaj e’ migliaj e cunt quann’ u guard’ ra vicin’ o nu poc’ cchiù luntan’. Pur’ si tutt’ u munn’ è u stess’ a tutt’ part’, Napul’ è n’ata cos’. Sta zitt’, eppur’ te ric’ tanta cos’. A vit’ a Napul’ te rà na gioj ca rur’ tutt’ a vit’ e a cos’ cchiù bell’ o cchiù brutt’ è ca chesta gioj te paralizz’ tant’ ca tu nun può dicer’ o forz’ nun t’ n’ mport’ ru dicer’. A Napul’ tu addevient’ schifettus’: u cafè e a pizz’ si nun song i’ Napul’, nun song bbuon! Ij song ancor’ canusciut’ comm’ chill ca bev’ acqua sporc’. I friariell’ song u mmeglj c’aggj mangiat’ ccà. Antonj m’ha ‘mparat’ l’importanz’ ra past’ e fasul’, u piatt’ ra povera gent’. Naples

Comm’ ric’ Paulo Coelho nell’Alchimista “quann’ vuò ca succer’ na cos’ tutt’ l’universo se rà ra fa pecché succer’ comm’ vuò tu” è [when you really want something to happen, the whole universe conspires so that your wish comes true], i napulitan se rann’ ra fa pe te fa sta bbuon’. Pur’ a gent’ ca tu nun canuscj e ca maj canusciarraj se rann’ ra fa pe t’aiutà. Quann’ jev’ cercann’ a residenza, pur i surient’ mij hann’ spiat’ ai genitor’ si me putevn’ ospità. Tutt’ l’università s’è preoccupat’ pe me e ttutt’ quant’ me ricevn’ “tu nun te preoccupà”. I sturient’ mij m’hann’ purtat’ ddu’ mierc’ lor’ pecché u lor’ professor’ nun ten’ nu mierc’ pe iss’. Luca m’ha purtat’ tant’ vot’ e Rosin’ traducev’. I colleg’ mij me vulevn’ fa ‘nzurà cu quaccun’ ri sturient’ lor’ o mij pe rummanì semp’ ru lor’. Magari! I rimang semp’ ru lor’ e mi dispiac’ averl’ fatt’ mmlinà pe’ essr’ stat’ cussì scurnus’.

Si ce sta na cos’ ca n’omm’ s’adda ‘mparà ra vit’, è r’ se scurdà chell’ ca s’è ‘mparat’: Napul’ te fa scurdà chell’ ca t’è ‘mparat’ fin’ a mo’. Forz’ è proprj chell’ ca ha fatt’ Nietzsche cu i scuorz’ suoj. Pe quant’ me riguard’, ij odj e vogl’ ben’ a Napul’. Pe chistu cuntrast’ ij ric’ ca Napul’ è nu velen doc’. U Vesuvj è accussì bell’, eppur’ è tant’ periculos’. Nun saccj quant’ i vuj hann’ mai volut’ bben’ a na cos’ pericolos’, ma bell’. Napul’ è a signora mij, bell’ e pericolos’.

Spiss’ nuj nun ce rendimm’ cont’ quant’ aval’ chell’ ca tenimm’. Assaj napulitan’ nun veren’ Napul’ comm’ a verimm’ ij e Nietzsche. Nisciuna sorpres’: lor’ nun sann’ chell’ che tenen’ e perciò nun sann’ chell’ ca tenen’ nient’ ra perder’. Nu pesc’ s’accorgj ral’acqua quann’ ven’ piscat’. Pur’ assaj sturient’ mij nun apprezzan’ Napul’. Vonn’ ì for’ Napul’ e va bbuò. Ammor’ mij pe Napul’ pò esser’ romantic’ ma ij aggj volut’ bben’ a ogn mument’ c’aggj passat’ cà. A Napul’ aggj vist’ dal vivo chell’ c’aggj leggiut’ in Gayatri Spivak quann’ aggj vist’ i pat’ e i mamm’ ru Vommer’ alluntanà i figlj ra i scugnizz’ i Napul’. Per esempij ind a Circumvesuvian’ i uagliun ru Vommer’ nun putevan cantà cu l’at’ uagliun’. Chest’ però succer’ pe tutt’ u munn’, a Napul’ comm’ in India. Napul’ m’ha fatt’ veré chell’ ca n’aggj vist’ in India. A Napul’ song maturat’ e aggj acquistat’ cchiù pacienz’. Napul’ m’ha aiutat’ a capì tanta cos’ e a sciogòlier’ nurec’ ‘durcigliat’.

Se Napoli mi ha insegnato la pazienza, Fra mi ha incoraggiato con una fiducia ai massimi livelli. Quest’uomo di eccezionale valore è un maestro par excellence. Grazie Fra, per avermi dato la possibilità di vivere a Napoli. Tu mi hai insegnato, non solo accademicamente, come e perché sia più importante essere innanzitutto ‘umani’. È per questo che noi ci dedichiamo agli studi umanistici. Non posso assolutamente immaginare di lavorare con qualunque altro studioso del tuo calibro come ho fatto con te. Come hai potuto soprassedere ai miei stupidi errori? Se penso di potermi definire anche solo un poco uno studioso, lo devo solamente a te. Vivere e imparare insieme a te mi ha reso davvero una persona migliore. I tuoi continui suggerimenti e i tuoi consigli, quei tragitti dopo le lezioni verso la stazione, i frequenti scherzi e battute mentre lavoravamo su Abhinavagupta mi saranno sempre cari per tutto il tempo avvenire. La tua franchezza e la tua amicizia, la tua fiducia e il tuo insegnamento, retaggio che da te ho ricevuto, moriranno solo insieme con me. Ti saluto con fervida gratitudine.

Naples-Mrinal

Se sono stato capace di sopravvivere a Napoli, il merito va a Stefi. Questo fiore di donna è come il burro, morbida e solida allo stesso tempo. Non potrò mai ripagare in questa vita i debiti che ho con lei, ma ci proverò. Ella è dolce nella sua innocenza e ha una personalità assai toccante. Grazie per aver speso ore con me all’ufficio immigrazione, per avermi  prestato del denaro senza volere alcun interesse, per avermi guidato nel mio lavoro di docente e soprattutto per essere stata un capo meraviglioso.

Io vivo a Napoli, ma sono di Bacoli. Probabilmente il primo (e altrettanto probabilmente l’ultimo) Kashmiro che abbia trovato posto nei registri dell’anagrafe di Bacoli. Grazie a Genna e ai suoi genitori. Ho un grosso debito con questa cara famiglia per l’amore e le cure che mi hanno offerto. Genna, non posso mai dimenticare tua madre dirmi ogni volta “sei magro!” e rimpinzarmi con una enorme quantità di cibo assolutamente delizioso.

Grazie France, per avermi mostrato Palermo. Vorrei aver potuto trovare lavoro lì e viverci per il resto della mia vita. La tua famiglia è tanto cara come lo sei anche tu. Grazie per essere un amico meraviglioso. E grazie per avermi prelevato insieme a Flori all’aeroporto e avermi trovato una sistemazione fantastica nel centro storico.

Grazie Flori, per tutto. Il tuo consiglio mi ha cambiato la vita: “non permettere a dei manoscritti senza vita di rovinarti l’esistenza”. Grazie per avermi accolto qui. Ho ancora copie del tuo passaporto nel mio computer e sono sicuro che anche tu terrai le copie del mio nel tuo. Grazie davvero per aver organizzato questo fantastico evento per me. Ne ho goduto ogni momento, condividendo il mio affetto e il mio tempo con coloro che amo. 🙂

Grazie Dani (Daniele), se non altro per le tue visite. Ho goduto della tua presenza nel mio letto. 🙂

Grazie Gianni, per essere ciò che ho trovato in te – un immortale amico. gānd marāo, chole khao. 🙂

Grazie a Tatiana e alla sua famiglia che hanno reso il mio primo soggiorno indimenticabile per tutto il tempo avvenire. Non posso mai dimenticare quegli infiniti pranzi e cene a casa tua. Grazie per le attenzioni e l’aiuto offertomi in quei primi giorni. Sarebbe stato impossibile gestire le cose senza di te.

Grazie Dani (Daniela) per avermi accompagnato una volta in ospedale. Non posso mai dimenticare quella drammatica notte.

Grazie Chiara per amarmi così tanto. Il tuo amore mi ha dato calore. Grazie Pietro per le segnalazioni riguardo il Qawwali. Spero che continuerai a mandarmene altre.

Grazie Serena, per tutto.

Khan Sahab, vorrei che tu potessi continuare a vivere a Napoli e che noi avessimo avuto più tempo per parlare e condividere i nostri interessi per l’Asia meridionale.

Grazie Lukes, per tutto, per avermi portato tante volte dal tuo medico e per i tuoi piccoli consigli. Grazie per avermi sempre accompagnato all’ufficio postale insieme ad Annalisa e Rosina.

Grazie Anto, per le infinite passeggiate a Piazza Bellini con la Peroni. Dobbiamo ancora cercare ragazze Estoni in giro e sono certo che non saremo più affamati troppo a lungo. Mi ricordo ancora quante sigarette ti ho rubato. Era gioia pura stare con te, Vero e Eugen.

11390183_763229023792046_8678713180742734243_n

Grazie a tutti i miei cari studenti. Se alla fine ho potuto apprendere un po’ di italiano, il merito va tutto a loro. Tutti voi siete stati per me un’ispirazione che io non dimenticherò per tutta la vita. Ricordate che un insegnante non può essere tale senza i suoi studenti. Probabilmente io ho imparato da voi quanto voi da me. I miei studenti hanno avuto un gran peso nella mia vita. Sono stati i miei maestri quanto io lo sono stato per loro. Sono stato particolarmente felice di osservare la crescita intellettuale degli studenti della “magistrale” e del terzo anno. Anche gli studenti del primo e secondo anno sono eccezionalmente promettenti. Auguro a tutti voi buona fortuna qualunque cosa decidiate di fare nella vita.

Advertisements

One Comment on “Arrivederci Napoli !”

  1. elisafreschi says:

    I had not realised how good your Italian (and napuletane) had become…wow! Pity to leave now… I hope you will dedicate a post to your new destination (and I hope you will keep on visiting us, perhaps for a Coffee Break Conference).


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s